Scribi nell'antica Mesopotamia

Articolo

Jan van der Crabben
da Trustees of the British Museum , Tradotto da Giuseppe E. Bertagna
Pubblicato il 03 agosto 2011

Testo originale in inglese: Scribes in ancient Mesopotamia

L'alfabetizzazione non era diffusa in Mesopotamia. Gli scribi, quasi sempre uomini, dovevano sottoporsi a una formazione e, avendo completato con successo un programma di studi, avevano il diritto di chiamarsi dubsar, che significa 'scriba'. Diventavano membri di un'élite privilegiata che, come gli scribi nell'antico Egitto, guardavano con disprezzo i loro concittadini.

La conoscenza della vita nelle scuole babilonesi si basa su un gruppo di testi sumeri dell'Antica Babilonia. Questi testi entrarono a far parte del programma di studio e vennero copiati ancora un migliaio di anni dopo. La formazione iniziava in tenera età nella é-dubba, la "casa delle tavolette". Sebbene la casa avesse un preside, un assistente e un impiegato, gran parte dell'istruzione e della disciplina iniziale sembra fosse nelle mani di uno studente più anziano, il "fratello maggiore" dello studioso. Tutti questi dovevano essere lusingati o corrotti di tanto in tanto con doni per evitare di essere picchiati.

Rimuovere la pubblicità

Advertisement

Oltre alla matematica, l'educazione degli scribi babilonesi si concentrava sull'apprendimento della scrittura sumerica e accadica utilizzando il cuneiforme e sull'apprendimento delle norme per la stesura di lettere, contratti e conti. Gli scribi erano sotto il patrocinio della dea sumera Nisaba. In tempi successivi il suo posto fu preso dal dio Nabu il cui simbolo era lo stilo (una canna tagliata usata per fare segni in argilla umida).

Bibliografia

Rimuovere la pubblicità

Pubblicità

Info traduttore

Giuseppe E. Bertagna
Titolare dell'agenzia di traduzione GEB Traduzioni che presta servizi nella localizzazione e traduzione di varie lingue.